Ricordi

03 marzo 2008
Posted by Daniele




Il bello delle grandi città è che a volte ti sorprendono.

Stasera, uscendo dal lavoro, ho incontrato diversi gruppetti di tifosi inglesi (domani qui si gioca Milan – Arsenal di Champions League). Già cantavano, parlavano ad alta voce, mezzi ubriachi come sempre. Ricoperti solo dalla maglia dell'Arsenal e con le loro sciarpe al collo.

Un pub inglese dalle parti di Via Torino era già stracolmo ed era impossibile entrare.

E queste presenze “moleste” mi hanno così di colpo fatto tornare indietro nella memoria. Indietro chiaramente fino a i tempi di Barcellona. Aimè ormai 10 anni fa. Quando arrivavano le squadre straniere la Rambla si popolava di colori e voci dei tifosi al seguito. Ed era bello, tranne quando esageravano con il bere, notare un po' di folclore e passione sportiva.

E mentre tornavo a casa a piedi, non solo pensavo a quei momenti sulla Rambla, ma anche alla più incredibile finale di Champions League che ho vissuto. Era il 1999 e al Camp Nou di Barcellona si giocavano la Coppa dalle grandi orecchie il Bayern Monaco e il Manchester United.

Con amici avevamo cercato i biglietti ma purtroppo non riuscimmo ad averli. C'era un bagarinaggio folle. Ed allora decidemmo di andare a vedere la partita in pub. Andammo in un pub fra Passeig de Gracia e Plaça Catalunya. Era pieno come un uovo di tifosi dello United. Era una macchia rossa. Riuscimmo ad entrare e ci mescolammo con loro. Neppure per un solo istante cessarono i cori di incitamento. Sempre, un moto continuo, una canzone ripetitiva all'ossessione accompagnava lo scorrere della partita. Tanto che anche noi ormai avevamo imparato le parole.

La partita non prendeva il binario giusto. Il Bayern vinceva. Ma loro, incuranti, continuavano a cantare e a bere. Ubriachi fradici canterini.

Arrivano gli ultimissimi minuti. Manca pochissimo e la coppa sta volando in Germania. Ma accade l'inverosimile. Pari del Manchester: delirio puro nel pub. Salti, canti, grida... E mentre ancora negli schermi scorre il replay del gol del pareggio, ecco che appare un'immagine simile. Un'azione simile ma che non era la stessa azione. Era un altro gol. Confusi, frastornati, ma pazzi, completamente pazzi, nel giro di 3 minuti ed a tempo scaduto il Manchester United vinceva la Champions League.

La birra volava come fosse acqua destinata alla doccia dei presenti. I canti ormai avevano lasciato il sopravvento all'emozione, Il Manchester era campione d'Europa e noi ufficialmente loro amici. Ci si abbracciava con tutti. Il delirio allo stato puro.

Questa è stata la mia finale di Champions League 1999.

Esci dal lavoro, sei stanco. Ed improvvisamente la città ti sorprende e ti fa rivivere emozioni di 10 anni fa. Questo pensavo.


Etichette: ,

8 commenti:

zebrabianconera10 ha detto...

Me la ricordo: una partita stupenda...

Monica ha detto...

me la ricordo anche io, anche se la data per me era 2002 o 2003 non prima...ma forse e' un'altra partita...boh! mi ricordo di essere in una casa di londra in cui ho vissuto tra il 2002 e il 2004 e guardavamo scioccati al finale, con il mio compagno di appartamento, tifoso sfegatato del Man, che aveva perso quasi coscienza per la gioia!! boh, sara' una partita simile

princeps ha detto...

Capito di qui per caso, e anche a me quella partita porta ricordi. Teneri, tuttavia.
Buona notte!

F.

Zillo ha detto...

Bel ricordo! Non c'è che dire!! Ma, da milanista, la gufata non mi piace proprio... :D :D

Daniele ha detto...

@ Zebrabianconera10: la ricordi sì… E’ una delle più famose finali di Champions…

@ Monica: sarà per forza un’altra partita.. Questa si è svolta nel 1999. Magari sarà stata qualche semifinale simile, non finale perché il Manchester poi non ne ha vinte altre…

@ Princeps: allora benvenuto!

Daniele ha detto...

@ Zillo: alla gufata non ci ho pensato proprio! :-) Stasera sto dalla parte del Milan…

My funny Valentine ha detto...

Dani (in codice): caspita, c'hai ragione!?! Non ci volevo credere...
:-)))
V

Daniele ha detto...

@ Valentina (sempre in codice): vorrà pur dir qualcosa… ;-)