Altro retroscena: le scarpe

09 settembre 2008



Con consumata esperienza, quando tutto sembra esser stato detto, eccomi ricomparire per rivelare un altro retroscena della Run Tune Up.

L’ho corsa con le vecchie scarpe (quelle della foto più in alto).

Per chi si ricorda (qui il post relativo) le vecchie scarpe erano state pensionate e sostituite dalle nuove Asics Gel Kayano 14. Le nuove le ho provate e riprovate. Ma non c’è stato verso, ogni volta mi facevano venire delle bolle al piede sinistro.

Dopo una settantina di km mi sono stufato. Ho detto basta.

Ho ripreso le vecchie. Ho cucito il buchetto che c’era in punta e le ho di nuovo arruolate per assolvere al meglio il loro compito.

Nel frattempo mi sono comprato su Ebay dagli USA il modello identico (o meglio la sua evoluzione) nuovo.

Le Asics Gel Kayano 14 sono state solo una brutta esperienza, al mio piede non si sono adattate. Ora le metto in vendita su Ebay. Le ho pagate 130 Euro e provo a venderle a 70 €. Per chi le compra un affare, sono praticamente nuove.

Se per caso c’è qualcuno che legge che le vuole, mi scriva e sono sue. La misura è US 10.

12 commenti:

Gianluca Rigon ha detto...

Ciao, che scarpe erano quelle vecchie ? Te lo chiedo perchè, da neofita, le Kayano dovrebbero essere da pronatore (come me) e sono interessato a sapere come ti sei trovato. Ciaoo

GIAN CARLO ha detto...

Come dire che se le scarpe erano al 100& toglievi ancora 2 minuti ?

Bacchini Fabio ha detto...

Ragazzi, io le ho viste con i miei occhi e posso dire che erano consumate davvero!!!

Daniele ha detto...

@ Gianluca: esatto, sono da pronatore. Le vecchie sono le Asics GT 2120 e mi sono trovato benissimo.

@ Giancarlo: un pensiero del genere non mi ha neppure sfiorato. Ma dici sul serio? Un paio di scarpe non consumate ti danno quel vantaggio?

@ Fabio: già, tu hai visto il consumo e la cucitura! :-)

Francarun ha detto...

se può esserti di consolamento, ti dico che pure io ho avuto e ho tutt'ora problemi di vesciche al piede sinistro, ma non solo con le asics ninbus e le cumulus, ma anche con le mizuno, ho provato a cambiare marca, ma non ho risolto !
Il numero delle tue scarpe a me non sta bene.... :-)
non so che consigliarti perchè non ho trovato nemmeno io quello che fa per me. So solo che costano troppo queste scarpe, punto e basta !

Gianluca Rigon ha detto...

Grazie per le informazioni. Dimenticavo: anche a me il tuo numero non va bene, mi dispiace perchè le avrei provate volentieri !
Ciao

Mic ha detto...

Ciao Gianluca, le gt2120 le ho anch'io: pensa che mi trovo talmente bene che ne ho prese 2paia e l'ultimo lo sto usando per gli allenamenti lunghi di questo periodo. è una scarpa molto affidabile, ottima per i pronatori. Se hanno fatto 8-900Km, ormai il loro dovere l'hanno fatto, però però...ho notato anch'io che un punto debole delle asics è la tomaia, che si consuma molto nella zona delle dita (alluce e mignolo) e anche nella parte interna, nella zona del tallone e malleoli. Da quel punto di vista, io mi sono trovato meglio con mizuno nexus e nike structure, anche se, in questi casi, consumano la suola molto + delle asics. Quando ci si trova bene, vale il consiglio di non cambiare, ma nel tuo caso, potresti anche pensare di provare un'A4 diversa.

Gianluca Rigon ha detto...

@Mic: Grazie per le informazioni e....così ne approffitto ancora !
Attualmente uso Adidas (supernova Control 10 e Adistar Control 4) entambe da pronatore e con pianta stretta. Anche perchè avendo un numero alto (46 e 1/3) mano a mano che i numeri salgono la pianta si allarga e quindi devo andare su quei modelli che comunque vestono stretto.
Mizuno Nexus e Nike Structure sono da pronatore ? Hanno la pianta stretta ?
Scusa le domande da novellino....
Ciao e grazie

M ha detto...

Si, entrambe sono da pronatore. Io infatti sono un leggero pronatore e le uso senza problemi. L'unica cosa di particolare riguarda il tipo di supporto: la nike, come la stragrande maggioranza delle A4 usa un supporto a densità differenziata, mentre le mizuno un supporto ad onda a metà dell'intersuola, che è in materiale rigido all'interno della scarpa, flessibile esternamente. Bene: è diverso rispetto agli altri supporti e, in genere, o ci si trova molto bene, oppure per niente. Le nike a me piacciono moltissimo: come calzata, sono veramente morbide, confortevoli e flessibili; di contro questa morbidezza non si sposa bene con atleti pesanti. Riguardo alla pianta non saprei risponderti: ho utilizzato mizuno, nike, NB, asics, sempre con lo stesso numero e trovandomi bene con tutte le calzate. Dicono che le mizuno abbiano la pianta larga, ma la suoletta di una mizuno la uso su un'intermedia nike, senza nessun problema. Forse ho scarsa sensibilità io.

F.H. ha detto...

Ogni giorno più avvincente, la storia di questa gara. Ci fai un altro libro sopra? :)

Furio ha detto...

..Eh si le scarpe se sono nuove sono reattive ed aiutano nella spinta.

Avremmo lo stesso numero, amo le Asics, ma non abbiamo lo stesso appoggio :-(
Il 6 del mese ho preso un paio di Cumulus 9 (87€), con cui ho fatto 55 km in quattro uscite; le trovo fantastiche ed ho già bissato l'acquisto su ebay x 72€.
Se si va su una scarpa già provata, su internet si riescono a fare buoni affari :-)
Ciao Daniele

Alvin ha detto...

Scarpe vecchie?
Il 28 settembre faccio la LGM con le mie amatissime Asics cumulus (mai na vescica) che hanno 960km, non posso lasciarle adesso...sarebbe tradimento,l'ultima loro corsa finirà con un nuovo PB sui 42 poi avranno la pensione meritata.