Babel

13 agosto 2008
Posted by Daniele


In tempo di Olimpiadi, dove le culture, le nazionalità, le caratteristiche dei popoli si mischiano voglio parlare di un bellissimo film - Babel - che si sviluppa su piani e luoghi diversi (Marocco, Stati Uniti, Messico e Giappone). Ma di una diversità e lontananza apparente.

Lo stile di regia è simile a Traffic o 21 Grammi. Un po' lento, ipnotico, con anche alcune scene senza audio. Ma efficace, almeno per me.


Stralci dall'ottima scheda di Wikipedia:

Una coppia americana segnata dal dolore della morte del loro figlio, una famiglia marocchina, una badante messicana e una famiglia giapponese, tutti accomunati dal senso tragico del mondo. Il regista traccia così la sua visione del mondo, cruda, desolante e violenta, fatta di contrasti e di sbagli destinati a stravolgere la stessa vita di un uomo.

La stupidità come motore propulsore di danni irreversibili, piccole cause per grandi effetti.

Ma in questo teatrino dell'incoscienza tutti vengono assolti, non esistono assassini, siamo tutti delle vittime, così i due fratelli marocchini così la badante messicana. Non c'è nessuna volontà di ferire, di far male, la sofferenza è ineluttabile in Babel. La sofferenza è il vero protagonista del film. Una sofferenza tragica, imprevista, senza senso che trascina tutti nel baratro della solitudine.

Un film struggente, malinconico, a tratti deprimente ma allo stesso tempo delicato e speranzoso, sicuramente un film che lascia il segno.




Etichette:

4 commenti:

Monica ha detto...

a me e' piaciuto molto: e' intenso, non scontato e tocca argomenti per me importanti. il tutto girato benissimo con un ottimo brad pitt. io gli darei un 8 almeno

Mathias ha detto...

io lo devo ancora guardare.. prendo spunto. ultimamente vengo molto influenzato da quello che scrive daniele, vedi con i baustelle qualche tempo fa.. non sapevo del nuovo album, ho letto qui e taac ora lo sto ascoltando in continuazione

GIAN CARLO ha detto...

E' bellissimo, e sono riuscito a vedrlo con mia moglie, che odia i film lenti, ma la voglia di Brad l'ha fregata

Ezio ha detto...

Buon Ferragosto Daniele1