Il libro

04 dicembre 2007



Ed ora è arrivato anche il libro. Ebbene sì, ho pubblicato un libro "celebrativo". E con questo, implicitamente, confermo che sono proprio pazzo... :-)

Il libro raccoglie tutti i post e i commenti (quindi ci siete anche tutti voi!) apparsi qui da quando ho deciso di buttarmi sul progetto New York City Marathon. Non penso che qualcuno lo comprerà, ma mi piace tenerlo in una vetrina virtuale, visionabile e acquistabile da chiunque. Si trova QUI. E se poi qualcuno vuol farmi pubblicità sul proprio blog giuro che non mi offendo...

Perchè l'ho fatto? L'ho spiegato nell'introduzione al libro insieme a diversi ringraziamenti. La riporto qui sotto:


Questo libro porta su carta l’insieme di articoli ed i relativi commenti apparsi sul mio blog dal momento in cui è nata l’idea di voler partecipare alla Maratona di New York.

Il diario online ha avuto un ruolo motivazionale forte durante i vari mesi di preparazione fisica e la sua trasposizione in un libro vuol dare consistenza e maggior prestigio ad un ricordo della mia vita che rimarrà indelebile.

In queste pagine si ritrovano tutte le sensazioni provate da gennaio 2007 fino al 4 novembre 2007, giorno in cui si è corsa la Maratona di New York. L’idea, la preparazione, gli imprevisti, la fatica, la gioia e l’entusiasmo: tutto quello che ho vissuto per diventare un New York City Marathon Finisher.

Per arrivare a tagliare il traguardo a Central Park però da solo non ce l’avrei fatta e pertanto ci tengo particolarmente a ringraziare:

la mamma, per la sua impareggiabile attenzione, come solo una mamma sa essere;

il babbo, per la sua ineguagliabile disponibilità: i suoi rifornimenti nei lunghi del fine settimana rappresentavano una manna dal cielo;

Chiara, per il suo entusiasmo e lo sprone ad inseguire il sogno;

Nicola, per averci creduto fin dal principio diventando compagno di pazzia e di fatica;

Mathias e Aline, per la condivisione della preparazione, del pre-gara e dell’entusiasmo post maratona;

Manlio Gasparotto, per l’esempio della sua storia e per l’incitamento ricevuto attraverso il suo blog;

Orlando Pizzolato, per aver creato e messo a disposizione di tutti tabelle che permettano anche a principianti della corsa di farcela;

il Centro Parmense Riabilitativo, per le cure che ha dato al mio povero ginocchio;

gli amici, tutti quelli che si sono fatti vivi prima e dopo la maratona, per il piacere di sentirli interessati;

gli amici del blog, per il sostegno incredibile ed inaspettato;

Linus e Aldo Rock, con il loro racconti su Radio Deejay, per aver fatto nascere in qualche parte di me la voglia di affrontare la sfida;

gli scettici, con i loro “ma sei matto? Non ce la farai mai!”, per la spinta che incosapevolmente hanno dato alla realizzazione di questa impresa;

me stesso, per averci creduto sempre e non aver mollato mai.



20 commenti:

stenet ha detto...

Urca un libro!Complimenti!

EriKa ha detto...

ti lascio corridore e ti ritrovo scrittore :S
fa rima ma non so se grammaticalmente e' corretto! oups!

Un saluto dalla Tailandia :)
e buona fortuna!!

Ed ha detto...

Bravo, complimenti!

Irene ha detto...

Daniele, fantastico... un altro traguardo! Certo che farò una recensione sul mio blog, anzi ne sono onorata. Ne parlerò anche ai miei amici "quelli che corrono". Ricordati sempre che il tuo è stato il primo blog che ho aperto, tu sei stato il primo che mi ha linkato, tu all'inizio sei sempre venuto a curiosare i miei post e a dirmi "dai... vedo che il tuo blog sta crescendo"... ed ora mi permetto di ricambiare l'incoraggiamento. parlerò del tuo libro. Non la chiamo pubblicità, ma un bel modo di far conoscere un ragazzo che ce l'ha proprio messa tutta e con tenacia è arrivato al suo traguardo. ciao

Ele ha detto...

Caspita certo che ti scrivo un post...magari è utile per chi, come te e mathias, decideranno di fare la maratona di NY...

Mathias ha detto...

Grande Daniele, mentre son qui che preparo un video celebrativo dei miei sul mitico giorno (in una foto ci siete anche tu e Nicola), che caricherò domani, leggo di questa tua pensata.. hai cambiato anche la foto nel profilo con una ad hoc..
Mi piace pensare che se qualcuno nel 2008 decidesse di andare a New York, un pò sia anche merito del nostro contagio!!

fabiodelpia' ha detto...

Ce ne fossero in Italia di pazzi come te! con il tuo coraggio, la tua tenacia. Complimenti Daniele!

franchino ha detto...

Complimenti Daniele!

maurob ha detto...

Grandebella iniziattiva ... bello anche l'idea del libro.
Grande ....

AndreaDeF ha detto...

Ciao Daniele. Anche io scopro solo oggi il tuo blog. Ti ringrazio per i complimenti che mi hai fatto per la Maratona di Firenze, ma tu però hai fatto quella di NY; il mio sogno!!!
Complimenti per il libro e per tutto il blog.
Andrea

zefirina ha detto...

in bocca al lupo per il libro allora e ti ho nominato per il meme, te la sei voluta tu

www.Italybyme.com ha detto...

Ciao e grazie per la visita! Se vuoi il tema puoi prenderlo da Tema wordpress

Irene ha detto...

Ti ho fatto il San Nicolò. fai un giretto nel mio blog. ciao buona serata

Furio ha detto...

Complimenti Daniele, bell'idea :)

Lanfree Marathon ha detto...

"vivi e lascia traccia" lo diceva Monsignor josemaria escrivà de balaguer.... complimenti!

MariCri ha detto...

ciao Daniele, sono arrivata qui grazie alla recensione di Irene. Avevo intenzione di regalare un libro sulla corsa a mio papà per Natale, e quando si dice il caso...! ho letto un po' qua e la il tuo blog, mi piace come usi le parole per trasmettere pensieri e sensazioni e sono sicura che libro conserva questo stile, ma...posso comprarlo solo via internet? non conosco quel sito, ma se mi dici che è tutto ok, procedo! A presto. MCri

Andrea Opletal ha detto...

Ronaldinho... non ti facevo così letterario!

molto originale l'idea... deve essere un'emozione fantastica..

dove trovo il libro?
fammi sapere.. anche via mail

dax79 ha detto...

grande idea...è bello vedere come l'entusiasmo per un'impresa non si plachi nemmeno dopo averla realizzata,ma continui anche dopo cercando di condividerlo con altre persone..qualcuno mi sa che l'avrai contagiato veramente...:)

Antonio Sofia ha detto...

uh mi sa che presto sarò anche io su lulu.. complimentoni!

A.

konerush ha detto...

Gratitude is the sign of noble souls.

generic nolvadex